miocardopatia dilatativa cane

La miocardiopatia dilatativa è una delle malattie cardiache acquisite più comuni nel cane. È una malattia primaria del muscolo cardiaco (miocardio) per cui questo diventa debole e quindi perde la sua capacità di contrarsi normalmente. Colpisce soprattutto i ventricoli, le camere inferiori del cuore che pompano il sangue. La miocardiopatia dilatativa colpisce più spesso il lato sinistro del cuore (il lato che riceve sangue dai polmoni e lo pompa al corpo), in particolare il ventricolo sinistro. Quando il miocardio non riesce a pompare il sangue dal cuore sinistro in modo efficace, i reni per compensare il problema trattengono sodio e acqua in modo da aumentare il volume di sangue che ritorna nel cuore. Ciò a sua volta causa un allargamento dei ventricoli al fine di compensare le contrazioni inefficaci. Questo meccanismo rimane adeguato per anni, ma alla fine diventa dannoso quando provoca l’aumento della pressione sanguigna nei polmoni, causando così l’accumulo di liquido al loro interno (edema polmonare). Si determina allora l’insufficienza cardiaca congestizia.

miocardiopatia dilatativa

Più raramente la miocardiopatia dilatativa può colpire il ventricolo destro. Il sangue si accumula nel cuore destro, che riceve sangue dal corpo e lo pompa ai polmoni, causando un’insufficienza cardiaca congestizia del cuore destro, per cui il liquido trasuda nell’addome (ascite) e nel torace (versamento pleurico). La miocardiopatia dilatativa che colpisce il ventricolo destro è quasi sempre accompagnata da quella del ventricolo sinistro.

Quali razze sono colpite?

Esistono diverse razze predisposte a sviluppare una miocardiopatia dilatativa: dobermann pinscher, alano, levriero irlandese, boxer, Terranova, cane d’acqua portoghese (cão de água português), dalmata e cocker spaniel. Le razze grandi e giganti sono le più colpite, i cani di razze più piccole e nei gatti sono colpiti raramente. Si manifesta soprattutto nei maschi e nei soggetti maturi.

Quali sono le cause della miocardiopatia dilatativa?

A causa della forte associazione di razza, la miocardiopatia dilatativa è quasi certamente ereditaria in molte razze. Le mutazioni genetiche associate a questa patologia sono state identificate in dobermann pinscher, boxer e schnauzer standard. In queste razze sono disponibili dei test genetici per identificare le specifiche mutazioni.

I boxer possono essere affetti da un tipo specifico di miocardiopatia chiamata miocardiopatia ventricolare destra aritmogena. Circa il 90% dei boxer negli Stati Uniti ha un’aritmia ventricolare, senza altre anomalie cardiache. Sono predisposti a svenimenti e a morte improvvisa. Lo svenimento si verifica più comunemente quando sviluppano una frequenza cardiaca molto elevata (superiore a 400 battiti / min). La morte improvvisa di solito si verifica quando questo ritmo rapido degenera in fibrillazione ventricolare (arresto cardiaco). Circa il 10 % sono anche affetti da miocardiopatia dilatativa. La malattia è associata alla mutazione di un gene che produce la proteina striatina.

In alcuni cani la causa di miocardiopatia dilatativa è una carenza nutrizionale. La taurina è un aminoacido necessario per lo sviluppo e la funzione del miocardio. Di conseguenza, gli animali possono sviluppare una miocardiopatia dilatativa se la loro dieta è carente di taurina, come nelle diete vegetariane. Possono quindi beneficiare di un’adeguata integrazione.

Alcune razze, come american cocker spaniel e golden retriever, possono avere una predisposizione alla carenza di taurina, probabilmente per difetti nel metabolismo di questa sostanza. In questi casi l’integrazione con taurina porta alla guarigione dalla miocardiopatia dilatativa. Se a un cane viene diagnosticata una miocardiopatia dilatativa può essere quindi indicato il test per la carenza di taurina. Alcuni soggetti hanno anche bisogno di un’integrazione di carnitina. Il dobermann pinscher e l’alano non presentano la miocardiopatia da carenza di taurina.

La miocardiopatia da carenza di taurina è possibile nei gatti, ma è diventata rara poiché la taurina viene ora aggiunta praticamente a tutti gli alimenti di qualità per gatti.

La L-carnitina è un altro aminoacido che, anche se raramente, è stato implicato nello sviluppo di miocardiopatia dilatativa nelle persone. La L-carnitina è necessaria affinché le cellule del miocardio producano energia e quindi si contraggano. Esistono prove che una carenza di questa molecola contribuisce alla disfunzione miocardica nei boxer. Alcuni cocker spaniel americani devono ricevere un’integrazione di L-carnitina, insieme alla taurina, per avere una risposta benefica. Tuttavia, il ruolo della carnitina nella maggior parte dei casi di miocardiopatia dilatativa è molto limitato.

Nel 2018, alcune diete commerciali prive di cereali sono state implicate come causa di miocardiopatia dilatativa nei cani, specialmente nelle razze che in genere non la contraggono. Si ipotizza che il motivo fosse una carenza di taurina in questi alimenti.

Occasionalmente, alcune sostanze tossiche possono causare una miocardiopatia dilatativa. La più comune è la doxorubicina, un farmaco antitumorale usato per trattare vari tipi di tumori nei cani.

Le cause infettive sono rare. I cuccioli infetti da parvovirus a 2-4 settimane di età possono sviluppare una miocardiopatia dilatativa. La vaccinazione della madre protegge i cuccioli dal parvovirus durante questo periodo sensibile, quindi questa causa di malattia cardiaca è rara.

Sintomi della miocardiopatia dilatativa

I sintomi variano a seconda della razza e dello stadio della malattia. I sintomi più comuni sono: perdita di appetito, mucose pallide, aumento della frequenza cardiaca, tosse, difficoltà respiratoria, periodi di debolezza e svenimenti. Poiché la malattia comporta un rigurgito di sangue dal cuore ai vasi polmonari, sono comuni i segni respiratori dovuti all’edema polmonare (insufficienza cardiaca congestizia). Anche il  sangue venoso di ritorno dal corpo alla parte destra del cuore può rifluire all’indietro, causando un accumulo di liquidi nell’addome (ascite) o nella cavità toracica (versamento pleurico). La debolezza o il collasso possono essere causati da ritmi cardiaci anormali (aritmie) e, occasionalmente, da una riduzione del flusso sanguigno verso il corpo (insufficienza cardiaca).

In alcune razze, svenimenti o morte improvvisa possono verificarsi molto prima di qualsiasi segno di insufficienza cardiaca congestizia.

Diagnosi

La malattia può essere diagnosticata in due modi: durante una visita di ruotine in un cane apparentemente normale o durante l’esame di un cane che presenta sintomi di malattia cardiaca.

Esami di screening per la miocardiopatia dilatativa

Molti allevatori coscienziosi e proprietari di cani di razze predisposte a questa patologia controllano i loro animali per le malattie cardiache per cercare di ridurre al minimo il rischio di trasmettere la malattia alla prole. Lo screening può essere complesso e dipende dalla razza del cane e dallo stadio della malattia.

Il primo passo è la visita clinica. Nella maggior parte dei casi la visita è del tutto normale. Occasionalmente il veterinario può rilevare un’aritmia (un ritmo cardiaco anormale). Nei dobermann pinscher e nei boxer, una registrazione ECG di 24 ore che utilizza un monitor Holter è spesso il modo migliore per rilevare i primi segni di miocardiopatia dilatativa poiché spesso si verifica un ritmo anormale prima di qualsiasi cambiamento rilevabile nella contrattilità miocardica. Anche l’ecocardiogramma (l’ecografia del cuore) viene utilizzato per identificare i cani con miocardiopatia dilatativa prima che sviluppino segni clinici, ma molti cani con malattia lieve hanno risultati dubbi. Questo esame va eseguito da un cardiologo veterinario certificato.

I test genetici dovrebbero essere eseguiti dagli allevatori di specifiche razze in cui sono state identificate mutazioni genetiche per la miocardiopatia dilatativa.

Diagnosi nei cani con segni clinici

La visita veterinaria associata ai segni clinici e alla razza può aiutare nella diagnosi presunta di miocardiopatia dilatativa. I test che aiutano a supportare la diagnosi sono un elettrocardiogramma (ECG) e radiografie del torace. L’ECG può mostrare un’aritmia e / o una frequenza cardiaca elevata. Le radiografie del torace possono mostrare un cuore ingrossato e / o liquidi nel tessuto polmonare o nella cavità toracica. Alcuni cani possono avere radiografie del torace normali, ma presentare aritmie sul loro ECG quando sono nella fase iniziale di miocardiopatia dilatativa.

Nei cani con segni clinici di insufficienza cardiaca è necessario un ecocardiogramma per confermare la diagnosi di miocardiopatia dilatativa. Con un ecocardiogramma, un cardiologo può visualizzare il cuore e valutarne la funzione. Una diminuzione della forza di contrazione del cuore significa che il cane ha una miocardiopatia dilatativa. Il veterinario può anche eseguire esami del sangue per cercare eventuali cause nutrizionali o infettive sottostanti se il caso specifico lo richiede.

Terapia della miocardiopatia dilatativa

Il trattamento dell’insufficienza cardiaca varia secondo le condizioni del singolo paziente. I farmaci comunemente usati sono i diuretici (più comunemente la furosemide) e il pimobendan. Il diuretico costringe i reni a espellere più sodio e acqua. È usato per eliminare l’edema polmonare (fluido nei polmoni) e quindi migliorare la respirazione e / o il versamento (accumulo di liquido nel torace o nella cavità addominale). Il pimobendan aumenta la forza di contrazione dei ventricoli e dilata i vasi sanguigni. Sia la furosemide che il pimobendan sono trattamenti efficaci che prolungano la sopravvivenza e migliorano la qualità della vita.

Il pimobendan può essere utile per prolungare il tempo di insorgenza dell’insufficienza cardiaca nei dobermann pinscher con miocardiopatia dilatativa se viene somministrato prima che questa insorga.

La gestione delle aritmie è spesso una parte importante della terapia della miocardiopatia dilatativa. I cani con fibrillazione atriale (un tipo di aritmia) sono generalmente trattati con una combinazione di digossina e diltiazem al fine di ridurre la frequenza cardiaca. Farmaci antiaritmici sono usati nei boxer e in alcuni dobermann per sopprimere i complessi prematuri ventricolari e la tachicardia al fine di prevenire svenimenti e morte improvvisa.

Nella miocardiopatia dilatativa di origine nutrizionale vengono prescritti integratori specifici. Ai pazienti con insufficienza cardiaca destra si può rimuovere periodicamente il liquido dall’addome e / o dalla cavità toracica per far sentire meglio il cane.

Prognosi

Sfortunatamente, nella maggior parte dei casi la miocardiopatia dilatativa è una malattia progressiva, irreversibile e alla fine mortale. La sopravvivenza dipende dallo stadio della malattia, dalla razza del paziente, dal tipo specifico di miocardiopatia dilatativa che ha il paziente, dal fatto che il proprietario si attenga al trattamento e che il paziente lo accetti. Nella miocardiopatia dilatativa da carenza di taurina, la correzione della carenza nei gatti provoca una guarigione completa. Nei cani, la correzione della carenza può comportare un’inversione della malattia almeno parziale e una sopravvivenza prolungata; tuttavia, alcuni casi hanno una ricaduta dopo alcuni anni.

La miocardiopatia dilatativa è una malattia che progredisce lentamente. Se viene diagnosticata nelle prime fasi, il paziente può vivere diversi anni prima di sviluppare segni clinici. In alcune razze, come il dobermann pinscher, i decessi improvvisi rappresentano il 30% delle morti per miocardiopatia dilatativa, e si verificano ben prima che questi cani sviluppino un’insufficienza cardiaca congestizia.

Nelle razze come dobermann pinscher e alano, nei soggetti che mostrano segni clinici di insufficienza cardiaca congestizia la terapia medica può aiutare a prolungare la sopravvivenza. Somministrando pimobendan la sopravvivenza può arrivare nei dobermann a un anno. Su altre razze ci sono meno dati. Il tempo di sopravvivenza è un parametro individuale e non facile da predire.

Attualmente, l’intervento più importante in grado di alterare il decorso della miocardiopatia dilatativa è l’integrazione nei cani che hanno una carenza nutrizionale (cioè con carenza di taurina). Poiché la maggior parte dei casi è probabilmente genetica, l’allevamento di cani non colpiti dalla malattia aiuta a ridurre la possibilità di ereditare la miocardiopatia dilatativa. I test genetici, quando disponibili, sono utili per determinare le strategie di allevamento.