Castelfranco V.to 0423-722094 | Casella d'Asolo 0423-950113

Boa constrictor

boa4aClassificazione

Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Famiglia Boidae
Sottofamiglia Boinae
Genere Boa
Specie B. constrictor

Il boa constricor (il cui nome latino, Boa constrictor, è uguale a quello comune) viene anche chiamato “boa coda rossa” (red-tail boa) in inglese, anche se alcune sottospecie non presentano questa caratteristica. Esistono circa una decina di sottospecie, con diversa distribuzione geografica e diversa colorazione.
Il boa constrictor origina da centro e sud America e da alcune isole caraibiche; l’habitat è piuttosto vario, dalle foreste pluviali alle pianure asciutte. E’ attivo di notte; i soggetti giovani sono in parte arboricoli, ma con l’aumento delle dimensioni i boa diventano prevalentemente terricoli. L’alimentazione allo stato naturale è molto varia: uccelli, mammiferi, rettili; la maggior parte delle prede è rappresentata da roditori.
Gli esemplari di cattura sono meno docili di quelli nati in cattività, che sono sempre da preferire. Le dimensioni vanno dai 35-55 cm dei soggetti neonati ai 3 metri degli adulti; alcuni soggetti possono eccezionalmente raggiungere i 4 metri di lunghezza. Gli esemplari adulti vanno maneggiati con prudenza, e solo da persone esperte.
Il boa constrictor è viviparo: partorisce 10-60 piccoli dopo 4-10 mesi di gestazione. In cattività può vivere fino a 20-30 anni.

Il terrario

Questo rettile, soprattutto se riprodotto in cattività e non di cattura, è in genere docile e si adatta al terrario abbastanza facilmente.
Il terrario deve essere robusto e spazioso, a prova di fuga; in particolare, il coperchio o le aperture del terrario devono poter essere chiuse in modo sicuro. Le dimensioni devono essere proporzionate a quelle del boa, per permettergli di muoversi liberamente e fare esercizio. È evidente che un boa adulto ha bisogno di un terrario particolarmente spazioso, cosa da tenere in considerazione prima dell’acquisto.
Il materiale più pratico per quanto riguarda l’igiene è il vetro, che va però preferibilmente rivestito di materiale isolante, ad esempio dei pannelli di legno, in modo da isolarlo termicamente perché il calore all’interno non si disperda rapidamente.
All’interno del terrario vanno collocati dei nascondigli (tronchi cavi, scatole di cartone o di plastica con un’apertura) e dei rami ben infissi. Un indispensabile accessorio è rappresentato da una bacinella di acqua in cui il serpente possa immergersi completamente. L’acqua va tenuta scrupolosamente pulita, cambiandola tutti i giorni, o prima se il serpente la sporca con le feci. Come molti serpenti, anche il boa, infatti, viene stimolato a defecare durante il bagno.
La ventilazione è assicurata da due griglie, una posta sul fondo e una nella parte più alta del terrario, per consentire un adeguato ricambio di aria.

sabogae1Temperatura

Un opportuno gradiente di temperatura è importante per la salute del rettile. La temperatura diurna deve essere di 28-32°C, con un punto caldo di 32-35°C. Di notte non deve scendere sotto i 28°C. Il riscaldamento si può fornire con materassini posti sotto o di lato al terrario (ma sempre all’esterno), e con una lampadina (ad incandescenza, che fa anche luce, oppure usando lampade a infrarossi o di ceramica, che emettono calore ma non luce) per fornire il punto caldo. La lampadina va schermata in modo che non venga a contatto diretto con il serpente, causandogli ustioni. I sistemi di riscaldamento da porre all’interno del terrario, come le cosiddette rocce calde, sono controindicati perché causano facilmente gravi ustioni.
La fonte di calore va collegata con un termostato, in modo da mantenere la temperatura ai valori desiderati. Il controllo effettivo della temperatura va poi verificato con l’uso di termometri, uno posto nel punto più caldo e uno sul punto più fresco.
Il fotoperiodo ideale è di 10-12 ore di luce. Non sono necessarie fonti di luce speciali (a spettro completo o UVB).

Substrato

Il substrato più pratico ed economico è rappresentato da giornali o carta da pacchi, o da pezzi di moquette, linoleum o erba artificiale. Questo tipo di materiale permette di visualizzare facilmente feci e urine, e quindi di monitorare meglio lo stato di salute del rettile. In alternativa si può usare la corteccia, ma è da evitare la segatura. Materiali corpuscolari, come appunto la corteccia, hanno lo svantaggio di essere più difficili da pulire. L’igiene va curata al massimo, rimuovendo prontamente le deiezioni e eseguendo una pulizia periodica di tutto il terrario.

Umidità

L’umidità del terrario deve essere elevata, intorno al 75-80%. L’umidità è un fattore essenziale per la salute del rettile. In condizioni di umidità troppo bassa il serpente è soggetto a disidratazione (che danneggia la funzione renale) e a problemi di muta. Se l’umidità è troppo alta si possono verificare macerazioni e infezioni della cute. Per verificare il livello di umidità presente nel terrario è necessario utilizzare un apposito strumento detto igrometro, comunemente in vendita nei negozi per rettili o in quelli per bricolage. Se è necessario aumentare l’umidità si può spruzzare di frequente dell’acqua, oppure si può collocare il recipiente dell’acqua sotto la lampada riscaldante.

Igiene

Mantenere un’accurata igiene nel terrario è fondamentale per la salute dei rettili. Le feci vanno eliminate subito; periodicamente si deve cambiare completamente il materiale di substrato e pulire a fondo il terrario. Come disinfettanti si possono usare il lisoformio o la varechina diluiti, da risciacquare con cura. Anche gli elementi di arredo, come nascondigli, rami o ripiani, devono essere lavati o sostituiti. La bacinella dell’acqua va tenuta particolarmente pulita: va lavata almeno una volta al giorno, ma se il serpente vi defeca dentro la pulizia va effettuata subito.

boa c5Alimentazione

Si deve evitare la somministrazione eccessiva di alimento, che può portare facilmente a problemi di obesità. Ai giovani si somministrano topi e ratti neonati, per passare progressivamente a prede più grosse. Le prede vanno fornite morte, per motivi etici ma anche per evitare che causino lesioni al rettile. Come regola, non si devono somministrare prede più larghe del diametro maggiore del rettile, altrimenti il pasto può venire rigurgitato.
In genere si inizia somministrando ai boa neonati ratti di circa 10 giorni di età, aumentando progressivamente le dimensioni della preda man mano il rettile cresce. Come regola generale, la preda offerta non deve essere più larga del diametro massimo del serpente. Prede maggiori possono essere ingerite ma facilmente vengono poi rigurgitate.
I giovani fino a sei mesi di età possono essere alimentati ogni 7-10 giorni. I soggetti adulti vanno alimentati ogni 3-4 settimane se maschi e ogni 2-3 settimane se femmine.
Prima di un pasto il serpente dovrebbe aver completamente digerito quello precedente, e avere quindi defecato. In caso contrario, si deve aspettare qualche altro giorno prima di nutrirlo.

Distinzione dei sessi

I serpenti possiedono due organi copulatori, detti emipeni, posti alla base della coda, ai lati della cloaca. Nelle femmine ovviamente questi organi sono assenti, ma nella stessa posizione presentano un paio di ghiandole odorifere. Per capire di che sesso è il serpente viene inserita una sonda nell’apertura corrispondente allo sbocco dell’emipene o della ghiandola odorifera. La profondità con cui la sonda penetra (maggiore nel maschio rispetto alla femmina) permette di distinguere il sesso. Questa tecnica richiede delicatezza ed esperienza per cui va lasciata a veterinari o allevatori esperti.

Come si maneggia

Per renderlo docile ed abituarlo alla presenza umana il boa va maneggiato regolarmente tutti i giorni, in modo delicato ma con fermezza. Non gli si deve permettere di sfuggire dalle mani, altrimenti può scappare e rifugiarsi in qualche posto in cui può essere difficile recuperarlo.
Il corpo non va mai stretto con forza perché verrebbe facilmente danneggiato. I boa adulti hanno una forza notevole e non deve mai essere permesso loro di avvolgersi intorno al collo.
Prima della muta la cute è molto delicata e per evitare di danneggiarla non si deve prendere in mano il boa, se non il minimo indispensabile.

Quarantena

I serpenti possono essere portatori di molte malattie e infestazioni parassitarie facilmente trasmissibili ad altri soggetti. Quando si acquista un nuovo rettile è di fondamentale importanza non solo sottoporlo subito ad un’accurata visita veterinaria, ma tenerlo completamente isolato da altri serpenti che già si possiedono, instaurando un periodo di quarantena più lungo possibile (idealmente di sei mesi). Durante la quarantena il serpente va alloggiato in una stanza diversa da quella che ospita gli altri terrari e dopo averlo accudito ci si deve lavare le mani con cura prima di occuparsi degli altri rettili. Gli oggetti (o le prede) presenti nel terrario del nuovo ospite non devono essere passati in altri terrari.

Legislazione

Il boa constrictor è elencato in Appendice II CITES (ad eccezione della sottospecie Boa constrictor occidentalis che è in Appendice I). Al momento dell’acquisto, oltre alla ricevuta il venditore deve rilasciare un documento in cui sono riportati gli estremi del documento CITES.

boa6a