Castelfranco V.to 0423-722094 | Casella d'Asolo 0423-950113

Il diamante di Gould

diamante di GouldAspetto
Il diamante di Gould (Erythrura gouldiae) è un piccolo passeriforme (circa 15 cm di lunghezza e 15 grammi di peso) molto apprezzato per la vivace livrea dai colori dell’arcobaleno. La colorazione tipica è rappresentata da dorso blu, petto viola, ventre giallo, punta della coda nera e una striscia turchese intorno alla testa. La testa può essere arancio, rossa o nera. La femmina si distingue per i colori meno vivaci. Nel corso degli anni sono state selezionate innumerevoli di variazioni di colore, con una grandissima varietà di livree.
Il diamante di Gould origina dall’Australia settentrionale; è un uccellino molto socievole che forma grandi stormi. Mentre in natura è minacciato dalla distruzione dell’habitat naturale, è ampiamente diffuso negli allevamenti in tutto il mondo.

Longevità
La vita media è di 6-8 anni. Per favorire la longevità sono importanti un ambiente tranquillo e privo di stress, un’alimentazione corretta e una buona igiene.

Il diamante di Gould come pet
Ben acclimatato alla cattività, è un uccellino di facile gestione, vivace e piacevole da ascoltare: il suo cinguettio è melodioso e poco rumoroso. Come tutti i piccoli passeriformi, è un animale da guardare e apprezzare da una certa distanza, perché non lo si può prendere e coccolare. Non lo si può neppure liberare in una stanza: sarebbe uno stress eccessivo catturarlo per rimetterlo al sicuro. Tuttavia per la sua bellezza e vitalità rappresenta una piacevole compagnia, soprattutto per chi trascorre in casa poco tempo e non può accudire adeguatamente animali più impegnativi.

La gabbia
Un requisito fondamentale per far vivere bene il diamante di Gould è lo spazio: la gabbia deve essere più ampia possibile, sviluppata in senso orizzontale per permettere agli uccellini di volare, arredata con diversi posatoi e un nido chiuso posto in alto. Un accessorio apprezzato è la vaschetta per il bagno.
Per le piccole dimensioni, le sbarre devono essere ravvicinate; è importante verificare che non vi siano piccole aperture attraverso le quali questi minuti uccellini possano trovare una via di fuga.
La gabbia va posta in un luogo tranquillo e sopraelevato, contro una parete, per dare ai suoi abitanti un senso di sicurezza.
Il diamante di Gould ha bisogno di un clima caldo e asciutto; poiché tollera poco il freddo umido, va alloggiato in casa.
Trattandosi di una specie socievole, il diamante di Gould ama interagire con i suoi simili, perciò va tenuto preferibilmente in coppia; se la gabbia è sufficientemente spaziosa si possono tenere insieme 2-3 coppie. La presenza di uccellini di specie diversa, anche se di dimensioni simili, può stressare i diamanti di Gould, per cui vanno tenuti solo con i loro cospecifici.

Il diamante di Gould non ama i cambiamenti, come ad esempio un’importante variazione dell’ambiente o uno spostamento della gabbia. Gli si deve risparmiare ogni tipo di stress, a cui è molto suscettibile e che causerebbe una depressione del sistema immunitario favorendo l’insorgenza di malattie infettive. Per lo stesso motivo per mantenere in salute gli uccellini è fondamentale curare l’igiene della gabbia, dei posatoi, dei recipienti dell’acqua e del cibo.

diamante di Gould 2L’alimentazione
Il diamante di Gould è principalmente granivoro e va nutrito con miscele di semi di piccole dimensioni specifiche per esotici. L’alimentazione va integrata con frutta e verdura fresche (soprattutto vegetali a foglia come insalata, spinaci, tarassaco, radicchio), pastoncino fresco e di buona qualità e uovo sodo. È importante eliminare prontamente il cibo deperibile alla sera e rinnovarlo alla mattina. Per fornire calcio si lascia a disposizione un osso di seppia.
Per l’elevato metabolismo di questi piccoli uccelli, si deve fare attenzione che cibo e acqua siano sempre a disposizione: non potrebbero sopportarne a lungo la privazione.

Riproduzione
I diamanti di Gould non sono particolarmente facili da riprodurre, soprattutto per gli allevatori inesperti, per i quali sarebbe più indicato il diamante mandarino.
Si deve lasciare a disposizione di ciascuna coppia un nido chiuso, da appendere in alto, imbottito di fieno morbido. La femmina depone in media 5-7 uova. Dopo la deposizione del quinto uovo inizia la cova, che viene praticata a turno da entrambi i genitori. La schiusa avviene dopo due settimane. Poiché i piccoli vengono lasciati soli nel nido dopo 10 giorni dalla nascita, è importante che l’ambiente in cui si trova la gabbia sia molto caldo. A 20 giorni i piccoli lasciano il nido.
I giovani diamanti di Gould presentano una colorazione verdastra assai poco appariscente. La splendida livrea dalla vivace colorazione non appare che molti mesi dopo, in media 8-12.